Responsabilità patrimoniale del Presidente di un’associazione

Se state pensando di fondare un’associazione e di diventarne il Presidente, sicuramente vi starete chiedendo quali possono essere i possibili rischi per il vostro patrimonio.

knowledge-1052011_960_720

Innanzitutto occorre distinguere fra la responsabilità che in qualità di amministratore avete nei confronti dell’associazione e la responsabilità che avete nei confronti dei terzi.

Responsabilità verso l’associazione

L’amministratore di un’associazione deve svolgere il proprio incarico con la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico (si applicano infatti le norme del Codice Civile sul mandato). Se quindi con il proprio operato causa un danno all’associazione, è tenuto al risarcimento.

Responsabilità verso i terzi

La responsabilità verso i terzi cambia a seconda che l’associazione in questione sia riconosciuta (ex DPR 361/2000) oppure non riconosciuta.

Le associazioni riconosciute infatti, quale effetto dell’iter di riconoscimento che hanno dovuto affrontare, godono di autonomia patrimoniale perfetta, che significa che per le loro obbligazioni, per i loro debiti, rispondono solo con il proprio patrimonio (per maggiori informazioni sul riconoscimento giuridico per le associazioni clicca qui).

Le associazioni non riconosciute, invece, che in Italia sono più del 90% delle associazioni esistenti, rispondono sì con il loro patrimonio (o fondo comune), ma per le loro obbligazioni risponde anche chi ha agito in nome e per conto dell’associazione (come stabilito dall’art. 38 del Codice Civile).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *